Le Politiche Sociali non preparano nuovo bando o proroga e così il centro per anziani chiude.

Prima il Centro Antiviolenza, poi il Palmisano. Prima un punto di riferimento per le donne vittime di violenza, poi quello degli anziani. Nel primo caso, curiosità, viene diffusa la notizia di proroga per il Cav fino al 31 dicembre, evidenziando una determina che sarebbe stata fatta prima della denuncia delle operatrici alla nostra emittente. Situazione che, comunque, non cambierà le prospettive perché l’orientamento delle Politiche Sociali è quello di inserire personale che abbia almeno 5 anni di esperienza, mettendo, quindi, alla porta le lavoratrici attuali. E questo è il primo caso. Per il secondo, quello del Palmisano, chiusura al 30 settembre senza proroga o nuovo bando. A riguardo nelle ultime ore si è mossa anche Confcooperative di Foggia, che ha inviato una comunicazione urgente al commissario straordinario rinnovando la richiesta di incontro in considerazione della situazione di insolvenza sia economica da parte del Comune che di mantenimento dei servizi. Insomma, le Politiche Sociali del Comune di Foggia, che dovrebbero avere un ruolo importantissimo vista l’attuale situazione di degrado sociale della città, sembra che abbiano perso la bussola.
Intanto, sempre in zona, da tre anni si attende l’apertura del centro per minori. Contratto firmato dal 2018 ma ancora nessuna apertura ufficiale.