Gara di “rigore” con la Cavese. Fumagalli para, Curcio segna. E il Foggia sale a 13 punti in classifica

Giocare in casa dell’ultima in classifica con voglia di riscatto non è mai facile. Conquistare tre punti oggi era importantissimo e la squadra di Marchionni è riuscita nell’intento sprecando nel finale con Balde e Rocca (uno dei migliori in campo dal suo ingresso nella ripresa). Gara messa sul piano fisico e rossoneri che non riescono a rendere fluida la manovra.

La cronaca. Primo tempo giocato molto a metà campo con scontri anche abbastanza duri. Foggia che mantiene il pallino del gioco e cerca di creare qualche pericolo in avanti. La squadra di Marchionni ha difficoltà a manovrare con passaggi corti per l’aggressività degli avversari. 50′ Calcio di rigore per la Cavese. Di Jenno stende l’avversario ma le immagini evidenziano che il giocatore del Foggia aveva tolto il piede. Fumagalli annienta il tiro di Favasuli parando. Trascorrono 3 minuti e il rigore questa volta viene concesso al Foggia. A battere è Curcio che non sbaglia. Cavese che prova a reagire, rossoneri concedono metri e arretrano. 84′ Rocca taglia per D’Andrea che ha tutto il tempo per chiudere la partita ma si fa recuperare al momento del tiro. Nel finale Balde fa tutto da solo superando avversari come birilli ma preferisce concludere piuttosto che servire il suo compagno di squadra. Replica Rocca in tempo di recupero concludendo debolmente. Finisce con la vittoria di misura del Foggia, vittoria che fa salire i rossoneri a 13 punti in classifica.