Ventenne trovato con numerosi documenti falsi. Attivava carte di credito intestate ad ignare vittime ?

Nella mattinata di martedì 20 ottobre, personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, a seguito di pressanti indagini, individuava l’abitazione di​ un 20enne cerignolano ed effettuava una perquisizione domiciliare, al fine di verificare se lo stesso deteneva documenti di identità, carte prepagate e materiale informatico, utilizzato per perpetrare truffe e frodi informatiche.

Nel corso della perquisizione, si rinvenivano e sequestravano numerose carte di identità e tessere sanitarie di diverse persone di Cerignola, numerose carte prepagate, numerosa documentazione bancaria relativa all’attivazione delle citate carte prepagate, due telefoni cellulari, un tablet, tre PC, un POS 3G,​ la somma di euro 7000,00 (settemila) suddivisa in banconote di diverso taglio, una pistola a salve e 33 cartucce a salve.

Il giovane veniva denunciato in stato di libertà per ricettazione di documenti compendio di furto e smarrimento e frode informatica in concorso con persone in corso di identificazione.