Allungo del Foggia ma il Bitonto non molla. Rossoneri sempre secondi (3 a 0 al Gelbison)

Vittoria del Foggia e conferma del secondo posto (speriamo a tempo determinato) in classifica in uno stadio senza colori rossoneri per la protesta delle due curve. Meno pubblico ma più spettacolo e senza attaccanti puri in campo. Corda dimostra che questa squadra è in crescita e la presenza di nuove spinte in avanti potrebbero determinarne il decollo. Gli avversari sono delle comparse in un campionato in cui il Foggia deve aumentare il ritmo se vuole scavalcare il Bitonto.

La cronaca. Il Foggia fa la partita aggredendo l’avversario. 7′ testa di Carboni, palla di poco alta. 9′ incursione di Russo, palla per Staiano che infila D’Agostino. Vantaggio del Foggia. 12′ Rossoneri vicini al raddoppio con Gentile che subisce fallo in area di rigore al momento del tiro poi arriva Russo che non trova la porta. 29′ punizione dalla destra, sbuca nella mischia Cadili che tocca quanto basta per segnare. 43′ Rilancia male un difensore del Foggia e Varela si invola verso la porta di Fumagalli che chiude la saracinesca ed evita la rete. 45′ terza rete del Foggia con Tortori che spinge in porta il pallone già diretto in rete. Nella ripresa Foggia subito vicino alla quarta rete con De Simone che sta per compiere la più classica delle autoreti su conclusione di Cittadino, ma la palla per uno strano effetto schizza dalla linea di porta. Minuti che scivolano tra i tentativi del Foggia di arrotondare il risultato. 24 Kourfadilis, tra i migliori in campo, mette al centro per la testa di Gentile che manda il pallone di poco alto. 25′ Ubriacante azione di Tortori che semina avversari, azione che si conclude tra gli applausi dopo il tiro di Cittadino però fuori bersaglio. Nel finale Tortori spreca solo davanti al portiere.