Il Foggia mette un piede in Lega Pro. Leali para tutto, poi compie un autentico suicidio. 1-0 per la Cremonese

Foggia innocuo a Cremona, troppo abbottonato per cercare i tre punti, quelli che servono, anzi servivano, per la salvezza. Finisce 1a0 per i padroni di casa con Leali in lacrime per l’errore al novantesimo che condanna, al momento, i rossoneri alla retrocessione diretta. La cronaca. Sciopero del tifo per i primi quindici minuti dei foggiani presenti a Cremona con uno striscione che sintetizza perfettamente il clima: “ingrati”. Gara difficile con il Foggia che nei primi minuti cerca di tenere i padroni di casa lontani dalla propria area di rigore. 9′ Punizione di Mazzeo e palla che finisce di poco a lato. 17′ Ci prova la Cremonese con un tiro dalla distanza che trova la pronta risposta di Leali. Foggia che fa sentire la sua pressione in avanti. Allo scadere del primo tempo Martinelli regala palla agli avversari a limite dell’aria di rigore poi Leali evita l’irreparabile. Martinelli ha rischiato l’estradizione da Foggia. Nella ripresa i padroni di casa provano ad avanzare il baricentro del gioco. Foggia che non riesce più ad avanzare e rischia di farsi schiacciare. 69′ Bolide di Caracciolo dal limite, si oppone Leali. 72′ Mogos di testa, palla fuori. 74′ Castrovilli fa partire un rasoterra velenosissimo ma Leali con la punta delle dita mette in angolo. 75′ Iemmello al posto di Mazzeo. 81′ Punizione di Kragl e palla  che finisce di poco a lato. 90′ Cremonese in vantaggio dopo una carambola in area Leali blocca il pallone che poi gli scivola dalle braccia e finisce in porta. Suicidio rossonero. Gara che finisce con la vittoria meritata per i padroni di casa. Foggia che ancora una volta non regge e cede nel finale con Leali, migliore in campo fino al novantesimo, che lascia il campo con le lacrime. Forse le lacrime più “leali” di questo campionato.