Girava per Foggia brandendo una lama. Fermato extracomunitario con precedenti. Sarà espulso dall’Italia

Nella giornata del 25 marzo u.s, Agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura di Foggia, nel corso di un servizio di controllo del territorio, su richiesta della sala operativa sono intervenuti in Piazza Giordano per la segnalazione di un cittadino straniero che infastidiva i passanti, brandendo un coltello.
Gli Agenti giungevano sul posto e alcuni cittadini indicavano l’uomo oggetto della segnalazione. L’uomo in questione di nazionalità marocchina, di 46 anni, si presentava visibilmente ubriaco e da un controllo sulla persona gli Agenti rinvenivano nella tasca del giaccone, un paio di forbici con la lama di circa 15 centimetri.
Poiché il predetto era anche sprovvisto di documenti di riconoscimento veniva accompagnato negli Uffici della Questura per verificare la posizione sul territorio nazionale.
Dopo le formalità di rito, il fermato veniva deferito in stato di libertà per il possesso di arma impropria e poiché risultava irregolare sul territorio nazionale e con numerosi precedenti penali, tra i quali rapina e reati in materia di stupefacenti, veniva accompagnato presso un centro di accoglienza per l’effettiva espulsione dal territorio nazionale.