Rubano borsello con carte bancomat all’Ipercoop. Presi due napoletani

Verso le 13:40 di ieri Sala e Centrale operative della Questura e del Comando Provinciale Carabinieri ricevevano la nota che era in atto un prelievo fraudolento di denaro presso lo sportello bancomat Unicredit in Viale Michelangelo, in danno di una persona che aveva appena subito il furto del borsello, contenente anche la carta bancomat, presso l’Ipercoop.
I militari della Sezione Radiomobile del NORM dei Carabinieri intervenivano presso lo sportello bancomat segnalato, quando improvvisamente, dalla sala bancomat uscivano due uomini che fuggivano in direzioni differenti.
Uno dei due Carabinieri, immediatamente si poneva all’inseguimento a piedi dell’uomo scappato in direzione di via Molfetta, mentre, contestualmente il suo collega con l’auto di servizio, lo raggiungeva, tenendosi in continuo contatto con la Centrale Operativa , e con una manovra riusciva a bloccare il fuggitivo sbarrandogli la strada.
L’uomo veniva identificato per GIULIANO Salvatore, classe 1986.
Contestualmente gli Agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura riuscivano a fermare l’altro malfattore, raggiunto in Via Bachelet e lo identificavano in PEREZ Salvatore, classe 1979, sottoposto all’obbligo di dimora nel Comune di Napoli.
La vittima, un uomo di circa 40 anni, dopo aver fatto la spesa al centro commerciale e aver caricato le buste sull’auto, trovava la gomma dell’autovettura a terra, pertanto mentre si apprestava a cambiare la gomma, uno dei due malfattori sottraeva il borsello del malcapitato dall’interno dell’auto e si dava alla fuga a bordo di una Fiat Panda insieme al complice. Poco dopo il derubato riceveva i messaggi da parte della propria Banca, nei quali veniva segnalato l’utilizzo delle proprie carte presso vari sportelli bancari della zona.
Partiva subito la segnalazione al 113 che attivava le pattuglie presenti per la ricerca dei due ladri.
Effettivamente in seguito alla perquisizione avvenuta sia addosso ai fermati che sull’autovettura Fiat Panda, venivano rinvenute le carte di credito di proprietà del denunciante, oltre alla somma di denaro prelevata ai diversi sportelli, ammontante a 650 euro.
Grazie al coordinamento sinergico posto in essere da entrambe le sale operative di Polizia e Carabinieri, entrambi gli uomini venivano tratti in arresto per furto aggravato e utilizzo indebito di carta di credito. Dopo le formalità di rito, gli arrestati venivano condotti presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Tutto il maltolto veniva restituito al proprietario, cosicché la brutta avventura si concludeva a lieto fine.