Vittoria con il cuore e con i nervi. Battuto il Cosenza

Tre punti importantissimi. Il Foggia torna a vincere contro un Cosenza mai domo. Vittoria che restituisce coraggio e speranza per la corsa alla salvezza dopo cinque pareggi. Gara al cardiopalma fino al triplice fischio finale. Foggia che sale a 26 punti e spera in uno scivolone del Venezia domenica a Verona per mantenere gli stessi punti in classifica con i veneti.

La cronaca. 9′ Iemmello lanciato sulla sinistra da Galano entra in area ma al momento del tiro è decentrato dalla porta, Perina comunque è costretto ad un difficile intervento. 11′ Mungo a porta sguarnita alza sopra la traversa. 15′ Ancora Mungo dal limite, palla sul fondo. 17′ Ci prova Chiaretti ma la sua conclusione è debole. 21′ Foggia in vantaggio con Kragl che su punizione butta un velenoso pallone che viene deviato da Dermaku in porta. 25′ Kragl dalla distanza, si distende e para Perina. Partita che scivola con gli ospiti che provano a creare pericoli in area avversaria ma raccogliendo poco. Nella ripresa gara molto nervosa con il Foggia costretto a difendersi nella propria metà campo. Al 62′ Galano lascia il posto a Marcucci (classe ’99). Tensioni in campo con rischio infarto per i tifosi rossoneri che guardano il cronometro scivolare fino al novantesimo con Iemmello che spreca, lanciato a rete, la palla del raddoppio. Finalmente il Foggia torna alla vittoria. Ma sarà per il nervosismo, questo Foggia non riesce ad avere un gioco. Migliori in campo: Ranieri, Zambelli. Buona prestazione di Agnelli, Billong e Kragl.